Indietro Visit Industry Marche - Suono

Visit Industry Marche - Suono

Difficoltà media
Industria, cultura e territorio in un solo viaggio

Ci sono luoghi del lavoro marchigiano, tecnologici o artigianali, che conservano nei loro musei, nei loro spazi operativi, un patrimonio di storia, conoscenze, bellezza meritevole di essere conosciuto. Visit Industry-Marche offre ai visitatori il piacere di conoscere dal vivo una selezione di eccellenze di questi luoghi del ‘Made in Marche’, sotto forma di itinerari turistici di innovativa concezione. Il soggetto principale è quindi la visita alle imprese d’eccellenza, che hanno portato alla regione ricchezza, qualità e innovazione: da queste si dipana un filo conduttore simbolico, sensoriale ed esperienziale che coinvolge anche i capolavori dei grandi Maestri dell’Arte e le produzioni dell’artigianato di qualità, per accompagnare il turista nei vari itinerari a tema. 

Visit Industry-Marche nasce da una rete che ha creato nel tempo il ‘Paesaggio dell’Eccellenza’. L’Associazione infatti si è costituita nel 2005 per valorizzare il patrimonio industriale del territorio recanatese, per poi estendersi all’intera Regione, accogliendo le più significative realtà produttive che hanno tracciato la storia marchigiana in vari settori: industriale, fashion, design, tecnologia d’avanguardia, produzione artigiana. 

I percorsi di Visit Industry-Marche: dalla visita all’impresa di eccellenza si dipana un filo conduttore esperienziale che accompagna il turista nei vari percorsi: sette itinerari tematici definiscono le aree delle migliori produzioni del manifatturiero marchigiano unite a luoghi, atmosfere e percorsi paesaggistici, culturali e di piacere. 

Suono: il tema del ‘Suono’ prevede la visita al Museo della Fisarmonica di Castelfidardo, fiore produttivo dell’artigianato musicale della città per oltre un secolo, e al celebre Sferisterio di Macerata, oltre che ai teatri Pergolesi Spontini di Jesi e Rossini di Pesaro intitolato al grande compositore.

Leggi tutto Riduci
Target: Leisure
Stagionalità: Estate

Le tappe dell'itinerario

  • Museo Internazionale della Fisarmonica
    071 7808288
    La tappa prevede le seguenti destinazioni: Museo Internazionale della Fisarmonica
    Il museo, sorto nel 1981, è ospitato in un piano del cinquecentesco palazzo municipale e raccoglie organetti, fisarmoniche ed altri strumenti musicali ad ancia libera, testimonianza di una industria che ha fatto di Castelfidardo uno dei principali centri mondiali per la produzione di fisarmoniche. La superficie espositiva è costituita da un'unica sala per un totale di circa duecentosessanta metri quadrati. La raccolta è articolata in più sezioni: la sezione principale è costituita da centoquarantasette fisarmoniche, costruite tra il 1840 ed il 1968, molte delle quali perfettamente funzionanti. Vi sono infine tre sezioni dedicate a collezioni tematiche: la musica nelle monete, la fisarmonica nella iconografia e la fisarmonica nel francobollo.
  • Arena Sferisterio
    +39 0733230735 Biglietteria;+3
    La tappa prevede le seguenti destinazioni: Arena Sferisterio
    SFERISTERIO
    Costruito tra il 1820 e il 1829 per volere di cittadini maceratesi benestanti, i Cento consorti, come ricorda la scritta sulla facciata, l’edificio è iniziato su disegno di Salvatore Innocenzi, ma fu poi costruito sul progetto del giovane Ireneo Aleandri, e inaugurato nel 1829. Concepito per il gioco della palla col bracciale, molto in voga nella metà dell’Ottocento, ospita diversi tipi di spettacoli pubblici, come la celebrazione di feste, l’organizzazione di giostre, parate equestri, manifestazioni politiche e sportive, l’accoglienza di circhi equestri e cacce di tori. Dopo una prima serie di spettacoli teatrali sul finire del XIX secolo, nel Novecento si inizia a pensare seriamente che lo spazio della costruzione, quell’armonia interna tra il colonnato neoclassico, l’alto muro rettilineo e la grande area aperta centrale, possano essere perfetta cornice per gli spettacoli di opera lirica.
  • Teatro Giovanni Battista Pergolesi
    0731.202944 - 0731.215643
    La tappa prevede le seguenti destinazioni: Teatro Giovanni Battista Pergolesi

    Tra i più eleganti teatri delle Marche, fu eretto su disegno di Francesco Maria Ciaraffoni e modificato da Cosimo Morelli, per essere inaugurato nel 1798. E' dedicato al grande musicista e compositore jesino Giovan Battista Pergolesi. Al suo interno è possibile ammirare il sipario storico realizzato dal pittore jesino Luigi Mancini nel 1850 e recentemente restaurato.
    Il Teatro Pergolesi si qualifica per la continuità dell'attività di produzione lirica, per la tutela della tradizione musicale, per la valorizzazione di linguaggi innovativi e per la promozione di giovani artisti.
    Ogni anno all'interno del Teatro G.B. Pergolesi si svolge il Festival Pergolesi Spontini.
    http://www.fondazionepergolesispontini.com/fps/

  • Teatro Rossini
    0721.387620 - 0721.387362 - 07
    La tappa prevede le seguenti destinazioni: Teatro Rossini

    Il Teatro Rossini viene inaugurato come Teatro del Sole nel 1637, durante il pontificato di Urbano VIII che concede, come luogo per gli spettacoli pubblici, le vecchie scuderie ducali costruite da Federico Ubaldo Della Rovere. L’edificio subisce nel tempo diverse trasformazioni; una vera e propria ricostruzione si deve all’architetto Pietro Ghinelli tra il 1816 e il 1818, anno in cui è inaugurato come Teatro Nuovo con una eccezionale rappresentazione de La gazza ladra diretta dallo stesso Gioacchino Rossini, già celebre anche se appena ventisettenne. Del vecchio edificio si salva il portale bugnato di Filippo Terzi che tuttora costituisce l’ingresso principale. Nel 1855 il teatro viene intitolato a Rossini. Nel 1934 viene ricostruita la facciata, modificato il ridotto e realizzata un’ampia sala (l’attuale Sala della Repubblica) all’altezza del terzo ordine di palchi. L’ultimo restauro strutturale è degli anni Settanta dopo che il teatro viene dichiarato inagibile nel 1966.

    La riapertura del Rossini nel 1980 decreta l’inizio di una vita intensissima in contemporanea con la nascita del Rossini Opera Festival. Il teatro ospita nel corso dell’anno: produzioni liriche e concerti del Rossini Opera Festival, la Stagione Teatrale, la Stagione Concertistica e il Festival Nazionale d’Arte Drammatica.

  • Fatar
    La Fatar è un'azienda marchigiana produttrice di tastiere per strumenti musicali. La ditta è stata fondata da Lino Ragni nel 1956 a Recanati.
  • Valenti Argenti

    Dal 1987 nel settore argentiero

    La storia di Valenti inizia nel 1987 a Recanati, luogo infuso della poesia del conterraneo Giacomo Leopardi e della spiritualità del vicino santuario di Loreto. Situata nel cuore del distretto argentiero marchigiano, Valenti nasce in un casolare di campagna, dove Sandro e Silvano Bravi, due amici uniti dall’amore per l’argento, cominciano a costruire i primi manufatti.

    Fin dal primo anno l’azienda ha successo e, in una decade, diventa una delle realtà più conosciute del settore argentiero. Valenti cresce velocemente e cambia sede, prima nel 1997, poi di nuovo nel 2003, quando approda in un nuovo imponente edificio architettonico, che ospita gli uffici e il polo produttivo e logistico su circa 10.000 metri quadrati.

    Nel quartier generale Valenti, oggi, più di novanta persone lavorano insieme e si occupano di tutte le fasi della filiera produttiva: dalla progettazione delle collezioni all’ufficio stile, dallo stampaggio e montaggio fino alle spedizioni ai clienti.

    La filosofia che quotidianamente ispira il lavoro di Valenti è ‘plasmare l’argento con le forme dell’arte, della fantasia e della creatività per tracciare le linee della bellezza’. Questo ambizioso traguardo si raggiunge con lavorazioni accurate e artigianali, che trasferiscono negli articoli da regalo in argento la tradizione e l’eleganza del saper fare italiano. Le collezioni Valenti sono pensate per i momenti speciali della vita. Pervasi da un gusto classico che dura nel tempo, sono oggetti impreziositi da particolari lavorazioni dell’argento.

    I prodotti Valenti sono eleganti e raffinate creazioni: cornici, album, complementi d’arredo per la tavola e la casa, oggetti per bambini, cristalli, resine, articoli religiosi e per l’ufficio.

    Valenti oggi distribuisce i suoi articoli in Italia nelle migliori gioiellerie ed è presente in Europa, Russia e Medio Oriente.

  • FBT Elettronica
    La FBT, è un'azienda marchigiana produttrice di impianti da concerto, amplificatori, diffusori acustici e mixer. La ditta è inoltre importatrice e distributrice in Italia di alcuni importanti marchi del settore degli strumenti musicali
  • Pigini

    Le fisarmoniche Pigini non sono semplici strumenti musicali; sono pezzi viventi della storia della liuteria Italiana, sono strumenti di mistica passione sempre in movimento sull’armonia delle note musicali.

    Le fisarmoniche Pigini sono il mezzo con cui i nostri musicisti scoprono la potenza e il fascino dell’artigianato marchigiano, condividendolo con le tante persone che rappresentano e sono testimoni dell’esperienza Pigini.

    Come molte altre storie Italiane di successo, la Pigini ha iniziato con poco più di un sogno e tanto duro lavoro. È iniziato tutto il 6 giugno 1946, quando Filippo Pigini iscrive alla Camera di commercio di Ancona la ditta “F.lli Pigini di Filippo”.

    Vengono subito spediti campioni e attivati rapporti commerciali con gli USA, Canada, Svezia, Danimarca, Argentina, Egitto, Pakistan. Fin dai primi giorni di vita, la Pigini sostiene l’evoluzione dei suoi strumenti attraverso radicali cambiamenti e a raffinati restyling.