Indietro Monastero di S. Maria dei Lumi

Monastero di S. Maria dei Lumi

Il Santuario di S. Maria dei Lumi venne fondato dai primi Padri Filippini stabilitisi a San Severino Marche nel 1586 su progetto dell’architetto Giovanni Battista Guerra. Nell’impianto a croce latina centralizzata, singolare dal punto di vista compositivo è la costruzione dell’Oratorio ipogeo. Tra gli altari minori risulta interessante quello della cappella della Madonna dei Lumi, con quadratura realizzata dal maceratese Giuseppe Mattei e altare e tabernacolo rivestiti dal marmo raro romano Pompeo Targoni. Il tabernacolo contiene l’immagine della Madonna col Bambino di Giangentile di Maestro Lorenzo dipinta nel 1560, mentre la mensa dell’altare poggia su quattro angeli lignei realizzati da Venanzio Bigioli.
Tra le opere di spicco vi sono la Visitazione, quale pala d'altare, il Sogno di San Giuseppe e il Viaggio di Mariae Giuseppe verso la casa di Elisabetta. Inoltre, nella II cappella,  commissionata dal Cancellotti, troviamo L'Adorazione dei Pastori della pala d'altare, la Circoncisione e l'Adorazione dei Magi. Non meno interessanti sono la terza cappella di sinistra con ciborio ligneo eseguito da Giuseppe Aloè e l’ultima cappella di destra con il Transito di Sant’Anna, copia dell’originale dipinto da Andrea Sacchi (1599-1661).
La cupola fu affrescata nel 1657 dal sanseverinate Giulio Lazzarelli (1607-1667). Preziose opere d'intaglio sono il pulpito dorato addossato ad uno dei pilastri di sostegno della cupola, la cantoria e la fronte d'organo ubicate nella controfacciata.

A causa del sisma del 2016, la chiesa risulta inagibile. Per informazioni scrivere al  Numero Verde del Turismo (numeroverde.turismo@regione.marche.it).

Leggi tutto Riduci
Target: Cultura